Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

La norma EN 15232: efficienza e funzionalità del controllo degli edifici

Dagli anni '70, la domanda di energia è aumentata significativamente in tutto il mondo. Secondo varie previsioni, questo non cambierà in futuro. I maggiori consumatori di energia in Europa sono i trasporti, l'industria e gli edifici. Gli edifici rappresentano circa il 41% del consumo totale. L'automazione intelligente degli edifici mira a ridurre questa cifra - abbassando le emissioni di CO2, utilizzando le risorse in modo efficiente e risparmiando sui costi. L'UE ha quindi incaricato il Comitato europeo di normazione di sviluppare un metodo di calcolo per standardizzare e migliorare il risparmio energetico.
La norma UNI EN 15232 "Efficienza Energetica: impatto dell’automazione sulle prestazioni energetiche degli edifici" è la guida per i sistemi di automazione degli edifici.
Luca Foscolo, responsabile vendite Germania spiega: "Lo standard serve a determinare il risparmio di una casa intelligente. Con l'aiuto di domande già pronte, gli edifici possono essere divisi in classi di efficienza energetica. Sulla base di queste domande, viene calcolata la classe di efficienza energetica".

Con questo standard, qualsiasi sistema di automazione degli edifici sarà qualificato e quindi lo standard di qualità futuro sarà garantito. L'obiettivo dello standard è l'efficienza energetica delle funzioni e del design nella casa intelligente. Questo include la valutazione delle forme di energia termica ed elettrica come il riscaldamento, il raffreddamento, la ventilazione, l'illuminazione, il riscaldamento dell'acqua calda domestica, le attrezzature mobili per la protezione solare e la gestione tecnica della casa e dell'edificio. Lo scopo è quello di mantenere il consumo di energia di ogni modulo il più basso possibile. Lo standard definisce quattro diverse classi di efficienza dell'automazione degli edifici: A, B, C e D. La classe di efficienza "C" corrisponde ai requisiti minimi, "B" ai sistemi di automazione degli edifici più avanzati e "A" ai sistemi di automazione degli edifici ad alta efficienza energetica. Con questa classificazione, non importa se l'edificio è residenziale o commerciale.
"Lo standard è usato per determinare il risparmio energetico di una casa intelligente",
spiega Luca Foscolo, responsabile delle vendite di myGEKKO in Germania
Questo standard è usato da un lato per la pianificazione dell'efficienza dei nuovi edifici e dall'altro come strumento di calcolo per gli edifici già esistenti. "Con questo standard, è possibile stimare quanto sia grande il possibile risparmio nella domanda di energia attraverso l'introduzione di un sistema di automazione degli edifici", spiega Luca Foscolo, "tali risparmi sono realizzati, per esempio, attraverso il collegamento in rete tra i sistemi di ombreggiamento e di riscaldamento. Il sole è usato come mezzo di trasferimento del calore. I sensori intelligenti rilevano la temperatura della stanza e l'ombreggiatura si abbassa automaticamente se la temperatura confortevole viene superata. In questo modo, il riscaldamento diventa attivo solo quando la potenza del sole non è più sufficiente per la temperatura desiderata. Questo è solo un esempio di interazione intelligente tra diversi mestieri che assicurano il risparmio energetico".

Ci sono due metodi diversi per determinare l'effetto di un sistema di automazione sull'efficienza energetica di un edificio. Il metodo semplificato e il metodo dettagliato. Nel metodo semplificato, si determina una stima approssimativa dell'impatto delle funzioni di automazione e gestione degli edifici sull'edificio. La classe C rappresenta la classe di riferimento rispetto alla quale vengono confrontati gli edifici progettati ed esistenti. Il metodo dettagliato prende anche in considerazione i sistemi individuali e il loro consumo di energia.

Il consumo di energia diminuisce con ogni classe di efficienza energetica più alta. Se il consumo di un edificio di classe C è ancora < 100 kWh/(m2a), è solo < 50 kWh/(m2a) per un edificio di classe A. Questo non solo fa risparmiare costi in futuro, ma conserva anche le risorse energetiche.

Lo standard EN 15232 permette di determinare il risparmio attraverso l'automazione intelligente degli edifici. Mostra il potenziale di una casa intelligente e i vantaggi dei sistemi intelligenti. Con il concetto di myGEKKO, si ottengono tutte le funzioni necessarie per raggiungere la classe di efficienza energetica A.
Tutti gli articoli
Resti aggiornato del mondo di myGekko
Edificio

Hotel Garni Schneider - modernizzato in poco tempo con myGEKKO

Edificio

Nuova coperazione: myGEKKO e TELENOT

Casa

Il domani digitale inizia oggi! Digitalizzare gli edifici esistenti in maniera semplice grazie alla nuova soluzione Plug & Play!

 
Contatto
Newsletter
Resta aggiornato e scopri tutte le novità del mondo di myGEKKO
 
Iscriviti alla newsletter
Contatto myGEKKO | Ekon GmbH
 
myGEKKO | Ekon GmbH St. Lorenznerstraße, 2
39031 Brunico
BZ - Italia
tel +39 0474 551 820

Contatto myGEKKO | EKON Vertriebs GmbH
 
myGEKKO | EKON Vertriebs GmbH Fürstenrieder Straße 279a
81377 Monaco
Germania
tel +49 8921 5470710